news

Il valore del cibo

2 giugno 2018

da-dove-viene-il-cibo-1Ecco cosa dice del “nostro” progetto il sito de L’Italia che cambia…

http://www.italiachecambia.org/2018/05/da-dove-viene-il-cibo-che-mangi/#

Lo sai da dove viene il cibo che mangi?

Un’azione collettiva in corso si propone di raccontare e creare consapevolezza sul reale valore del cibo, attraverso una raccolta di idee, di collaborazioni e di fondi per la realizzazione di una serie di corti animati sui retroscena ambientali, salutistici, sociali, economici, del nostro cibo di ogni giorno. E su chi si alza ogni mattina prima dell’alba per tirarlo fuori dalla terra e farlo arrivare sulle nostre tavole.

Da dove viene il cibo che mangiamo? Da chi e in che modo è stato prodotto? Di cosa è fatto? Quali sono le differenze tra cibo sano e cibo insano? L’idea è di lavorare insieme – chi produce e chi consuma – per rispondere a queste domande con brevi e incisivi corti animati. L’obiettivo è conoscere una realtà che spesso non vediamo e innescare una reazione positiva verso il consumo consapevole e – perché no? – verso la possibilità di produrre il cibo insieme a contadine e contadini.

Mettiamo a fuoco cosa portiamo sulla nostra tavola: cosa c’è (o non c’è) dentro, ma anche prima e dopo, il cibo che ogni giorno ci procuriamo? Dentro come valore intrinseco, come capacità di nutrimento e cura, economia, cultura, come condivisione e relazioni. Ma anche prima: come memoria, conoscenza, fatica, celebrazione o sfruttamento della nostra terra e del lavoro dell’uomo. E anche dopo: come conseguenza ambientale, sociale, economica del modo in cui viene prodotto e distribuito.

Dobbiamo riscoprire la ritualità di alcuni gesti per dare loro la giusta importanza, perché i nostri figli non sanno da dove arriva tutto quello che sta sulla tavola. Un tempo si sapeva da dove veniva il cibo, chi lo aveva coltivato, chi lo aveva raccolto e cucinato e questo non significa solo salubrità, ma è anche affettività, è ricordo, è avere certezze. Il cibo ci può salvare dalla solitudine, ci invita all’incontro con l’altro, alla condivisione, sovvertendo così tutto quello che oggi va per la maggiore: egoismo, rifiuto del diverso, chiusura in se stessi…

Ma il cibo industriale, sigillato nei suoi contenitori asettici, porta spesso con sé le aberrazioni del profitto a ogni costo, sempre nocive per noi e per l’ambiente. Come i molluschi prodotti in Francia che vengono mandati in Cina per essere sgusciati e poi tornano indietro per essere venduti; o come le melanzane a gennaio e l’uva ad aprile; o il pomodoro raccolto dagli operai-schiavi di cui troppo poco si parla.

Alcuni temi fondamentali:

● il legame che unisce i contadini all’ambiente, alla salute e al cibo, alla stagionalità,
● l’origine del prezzo e il meccanismo degli sconti,
● la possibilità di condividere rischi e vantaggi tra coltivatori e Gruppi d’Acquisto Solidali attraverso le co-produzioni,
● la fiducia che sta alla base di ogni buona pratica collettiva e che non troveremo mai sugli scaffali della GDO.

L’azione prevede diversi piani operativi: la gestazione congiunta da parte di gruppi di persone che con queste cose si misurano ogni giorno, ovvero agricoltori, gasisti, educatori, genitori (ma l’elenco potrebbe includere altri soggetti); la realizzazione dei corti animati; la loro diffusione sul web e attraverso una rete di sale di proiezione (cinema, parrocchie, centri sociali, scuole…).

Tra i primi partecipanti a questo progetto ci sono l’associazione LoFaccioBene, il DES Varese, la Campagna per l’Agricoltura Contadina, e molti altri sono attesi e invitati. Per informazioni, collaborazioni, proposte, idee, per partecipare, scrivi a: lofacciobenecinefest@gmail.com.

Altra Velocità in Festa

largethumb1525245372altravelocita-noi

Se credi che sia necessario far crescere e coltivare un grande NOI TUTTI, se vuoi che le cose cambino,
se non desideri che altri scelgano sempre sulla tua vita…
Non ti resta che sbracciarti e darti da fare!

Oggi! Adesso! Senza rimandare a domani!

Se credi che il cambiamento stia nelle tue mani

Rimboccati le maniche!

Molte esperienze concrete, in Italia ed in Europa,  stanno da tempo costruendo una società indirizzata al bene comune e al benvivere di tutti,
ma perchè questa impresa diventi veramente coinvolgente e travolgente è necessaria la costruzione di un soggetto plurale, un NOI TUTTI.

Siamo, forse, la maggioranza

… ma non lo sappiamo, finché ciascuno se ne sta chiuso a curare il proprio piccolo intorno.

Occorre al contrario essere aperti, allacciare tutte le connessioni possibili con tutti gli altri, da qualunque parte del mondo, che vogliono che vinca la ragione del ben-vivere e non la follia di quest’epoca.

Vi invitiamo a contribuire alla realizzazione di questa FESTA EUROPEA per cominciare a comporre l’arazzo delle alternative possibili, già praticate da milioni di donne e uomini: un magnifico intreccio capace di attrarre i rassegnati, gli ignavi e gli astenuti dalla vita.
Una Festa (e una lotta) per cominciare a dare, TUTTI, il nostro contributo di idee ed esperienze fin da subito, da oggi

Questa festa servirà a due cose:

  • ​scambiarci esempi, pratiche, teorie ed esperienze sul lavoro già svolto dalle diverse reti ed organizzazioni;
  • definire la strada futura, quindi essere il punto di ripartenza per quanto faremo insieme prossimamente.

Grazie per il contributo che riuscirete a dare

Pensare e condividere i proprio contenuti con altri gruppi o reti che si occupano di temi simili o affini: gli argomenti e le esperienze che ci stanno a cuore, costruendo il futuro che è già presente.
Il programma stesso è un grande laboratorio: lo stiamo costruendo insieme, con il contributo costante di chi sceglie di esserci,

QUESTA E’ LA FESTA CHE STIAMO COSTRUENDO, INSIEME

La festa sarà preceduta dal 25 al 29 giugno dalla Scuola Valsusa 2018 organizzata da Rete di Reti a Venaus sul tema “Fare comunità oggi: autonomia e autogoverno” e da una camminata organizzata dalla Compagnia dei Cammini.
CONTENUTI  (in divenire):

1. Co-produzioni e CSA > A cura di Le Galline Felici

2. Strumenti e piattaforme informatiche per le reti dei GAS e la PDO > a cura di RETICS-FICOS

3. PDO – Piccola Distribuzione Organizzata > A cura di RES.TO. Partecipano: Produttori Locali, DISOTTO, OLTREfoodCOOP, altri in via di coinvolgimento

4. Aspetti fiscali per associazionismo dei produttori > A cura di RES.TO

5. Incontro con realtà del territorio > A cura di Scenari di Futuro

6. Il valore del cibo > A cura di LoFaccioBene

7. Laboratorio reti contadine> A cura di REES Marche. Partecipano: Rete dei Semi Rurali, Mais, ASCI ed ARI.

8. Circuiti di mutuo credito e monete sociali per l’Economia Solidale > A cura di RETICS

9. Gas e Salute > A cura di  RES.TO.

10. Ingredienti per il Futuro > A cura di Rete di Reti

11. Comunicazione integrata (compresa quella nelle scuole) > A cura di Le Galline Felici – IRIS

12. Laboratorio su comunicare senza marketing > A cura di Smarketing

13. Laboratorio sulla facilitazione (da confermare) > A cura di Alekoslab

14. Integrazione migranti > A cura di REES Marche. Partecipa Refugees Welcome

15. Intelligenza collettiva > A cura di Usines a Gas

16. Laboratorio di autoformazione sul Bilancio del Bene Comune > A cura di IRIS

17. Viaggiare > A cura di Compagnia dei Cammini

18. Attività con bambini e adolescenti > A cura di Praticare il Futuro

19. Costruire la fiducia tra produttori e consumatori > A cura di Usine a Gas

…altri contenuti sono in via di definizione…

PROMOTORI (ultimo aggiornamento 23/4/2018):

Worcup!, Etinomia, Galline Felici, Usine-a-gas (Cortocircuiti Francesi), GAStorino, RES.TO (Rete Gas Torino Ovest composto dai GAS: Almese, Alpignano, Arcoiris, Buttigliera Alta, Cavagnetta, DalBass, Pianezza, Trana, Valmessa), REES Marche, Gas Chiomonte, Gas Pinerolo Stranamore, Praticare il futuro, PortAlGas, Solidarius Italia, Iris, Fairwatch, Social Business World, Comune-info, LoFaccioBene, Scenari di Futuro, Smarketing, Alekoslab, Rete di Reti (Associazione Decrescita, Bilanci di Giustizia, Federazione per l’Economia del Bene Comune, Italia che Cambia, Movimento Decrescita Felice, RES Italia, RIVE, Terra Nuova), Giovani in Vita, Compagnia dei Cammini

…insieme ad altre reti e organizzazioni…

INFO: a questa pagina

WEB: www.altravelocita.info

CONTATTI: altravelocita@socialbusinessworld.org

QUANDO: dal 29/06/2018 all’1/07/2018

DOVE: c/o ASD Avigliana Calcio – Via Oronte Nota 3, 10051 Avigliana (TO – Italy)

Altravelocità/Autrevitesse – Avigliana – Val di Susa (To)

Per quello che c’era e ci sarà ancora

13 gennaio 2018
se hai poco tempo VAI DIRETTAMENTE AL CROWDFUNDING ma appena puoi, leggi le storie che seguono ...

COSA E’ SUCCESSO? un fuoco che brucia.
COME POSSIAMO REAGIRE?  da subito aiutando con una piccola grande donazione 

Abbiamo parlato tanto del Campo San Teodoro Liberato di Librino.

Solo due giorni fa i Briganti, padroni di casa, hanno scritto così:

La nostra Club House non esiste più.
Un incendio doloso appiccato stanotte l’ha completamente distrutta. Sono andati perduti dieci anni di ricordi, trofei, l’intero patrimonio della Librineria, tantissimi cimeli accumulati in questi anni, il materiale tecnico e medicale, la cucina, tutto, tutto distrutto dall’incendio.”

Ma a questo messaggio ne sono seguiti immediatamente molti altri, del tutto diversi:
“Non riusciamo a stare dietro a tutti i msg a tutta la solidarietà che sta arrivando… scusateci se a qualche telefonata o msg non rispondiamo immediatamente ….
davvero grazie di cuore, grazie per il vostro sostegno.” 

Continua a leggere

Ancora da Librino!

13 ottobre 2017

INSIEME SENZA FRONTIERE – Librino
da IL PIFFERAIO MAGICO  … live!
energia positiva dai ragazzi del CPIA di Modena

INSIEME SENZA FRONTIERE – Racconto #4

27 luglio 2017

Il quarto racconto dalla voce dei protagonisti: l’emozione trasmessa dai ragazzi di Isola Quassùd Liquid Company.
IMG_4398

RIMBOCCARSI LE MANICHE
L’esperienza di una replica del nostro “Life is beautiful-un rito di comunione per le vittime del Mediterraneo” per il gruppo “Lo faccio bene” al Campo San Teodoro di Librino (quartiere satellite della città di Catania) è stata tra le più significative per il gruppo di ragazzi che dirigo.
Un clima di solidarietà vera, concreta, attiva, un incontro di realtà diverse ma unite da una sensibilità comune tesa al superamento di barriere e pregiudizi attraverso il fare. Continua a leggere

INSIEME SENZA FRONTIERE – Racconto #3

27 giugno 2017

Ecco un altro racconto di cosa è stato “Insieme Senza Frontiere”, questo arriva dall’ ’Istituto Professionale “Mangano” di Catania
1495055466dsc_7279
SARTORIA CREATIVA
Nell’ambito delle attività interculturali promosse quest’anno dal Polo catanese di Educazione interculturale-Global Teacher Centre,  l’I.I.S. I.T. MARCONI –PLESSO MANGANO è stato coinvolto nel Festival di Librino, svoltosi a Campo San Teodoro.
Per tale occasione, il settore moda dell’Istituto professionale Mangano, in collaborazione con le associazioni “Le galline felici”, il “GAPA” e “FIERI”, hanno creato abiti di diversa foggia, dall’elegante all’etnico, per condividere culture e tradizioni.
Eppure, quello che abbiamo condiviso è andato ben oltre un semplice momento di incontro tra culture, una normale ‘sfilata’ di moda…La gioia dei ragazzi immigrati, e dei loro educatori/docenti,  è stata travolgente. Continua a leggere

INSIEME SENZA FRONTIERE – Racconto #2

14 giugno 2017

Continuano  i racconti di chi ha partecipato a Insieme Senza Frontiere: Carlo Condarelli, musicista-sociologo-educatore,  che presta la sua matita al disegno di un profondo incontro di culture.   E di passione, che abbiamo sentito violenta a Librino, dritta nella pancia!
IMG_4497

MUSICA SENZA FRONTIERE
L’iniziativa “Insieme senza frontiere” è stata un grandissimo successo in termini di partecipazione e feed back da parte del pubblico. Per quanto mi riguarda, il successo è stato anche della musica e dei partecipanti al laboratorio che ho condotto per conto della Associazione Youcultures con il grande sostegno di Roberto Li Calzi , di Elizabeth Proto e del consorzio Le Galline Felici. Il laboratorio è stato offerto gratuitamente e ha coinvolto un gruppo di donne catanesi e un gruppo di giovani donne immigrate minorenni ospitate presso la comunità alloggio Dedalo della cooperativa il Nodo. 

Continua a leggere

INSIEME SENZA FRONTIERE – Racconto #1

9 giugno 2017

Abbiamo chiesto a chi c’era di raccontare Insieme Senza Frontiere attraverso i propri occhi.
Ecco lo sguardo di Mario dei Briganti di Librino (e grazie!)

1495052762dsc_6829

GIOCARE IN CASA
Credo che l’accoglienza sia uno di quei valori che ci tramandiamo da tempi antichi in Sicilia e allo stesso modo la nostra è una terra di partenze. Così mi sono trovato in alcune occasioni ad essere colui che accoglie ed in altre colui che viene accolto, che in italiano -guarda un po’- si dice con la stessa parola: ospite.

Il San Teodoro è un luogo che ospita per sua natura e che ospita prima di tutto gli avversari. Continua a leggere

L’ENERGIA DELLE RELAZIONI LA FORZA DELLA DIVERSITA’

7 giugno 2017

SI E’ CHIUSA LA TRE GIORNI DI “INSIEME SENZA FRONTIERE” A LIBRINO  12-14 MAGGIO

Scuola ed integrazione. Accoglienza ed intelligente riutilizzo di spazi occupati in quartieri a limite, dove l’esempio puo’ produrre germi di vitale consapevolezza e offrire nuova linfa. Economia del “NOI” e buone pratiche che ambiscono a diventare consuetudini. La forza delle reti e le energie che si accendono come micce dal basso, tracciano un sentiero pulito, trasparente e vero, che altri potrebbero osservare e seguire.

149555355620170512_121249Incontro intergenerazionale, multiculturale e multietnico, dove emerge il senso del percepirsi tanti, diversi, ma pur sempre UNO. Continua a leggere

INSIEME SENZA FRONTIERE 12-13-14 Maggio, Campo di San Teodoro Liberato, Librino (CT)

4 maggio 2017

immagine volantino

Sarà una festa, prima di tutto.

LEGGETE, LEGGETE IL PROGRAMMA: tante attività per tutti, all’insegna della partecipazione e della condivisione.

Sarà un’occasione di incontro, e non solo perché  è la Scuola che incontra, ma perché tutti i partecipanti avranno modo di confrontarsi ed imparare qualcosa, come, ad esempio,  che si può creare bellezza e amicizia là dove sembrava impossibile, sui campi di Librino, correndo dietro ad una palla ovale, allestendo una sfilata di moda creativa o ascoltando il suono dei tamburi…

E GUARDATE QUANTI SIAMO!

Continua a leggere