Blog

Laura e Johnson

30 giugno 2019
IMG_8660
OSPITALITA’ : la cosa più difficile è stata spiegare all’impiegato dell’anagrafe la motivazione da scrivere nel modulo di richiesta di residenza
Certo, di primo impatto  un ragazzo di trent’anni sconosciuto che dopo una settimana già ci chiama màma e pàpa,  ti fa sentire in un balzo 10 anni più vecchio …
 
Ma passa presto,   te ne dimentichi perchè senti i l suo riconoscimento  di una possibilità ,   il suo comunicarci che questa per un po’ sarà casa, il  rispetto e la partecipazione. 

Johnson viene dalla Nigeria ed è regolarmente residente a casa nostra da febbraio, ha un contratto di tirocinio quasi in scadenza, gli esami di terza media in corso e ogni sera quando rientra domanda a chi trova com’è andata oggi e dov’è questo e dov’è quello e quando torna, finchè ognuno è collocato.

Continua a leggere

Porti chiusi? No, porte aperte…

1495017605img_4365

Più che chiudere i porti c’è bisogno di aprire le porte(di casa…)
Aiutare?…si può. Ospitare ?…si può.
Come?..ecco come!!!
Immagino cosa proverei se fossi io ad arrivare , dopo un viaggio duro e pericoloso, in un nuovo paese, dove non conosco nessuno, di cui non parlo la lingua, e trovassi qualcuno disposto ad ospitarmi in casa sua, ad aiutarmi. Non sarei solo sollevato e pieno di gratitudine, mi sentirei facente parte dell’Umanità.
Ed è proprio di questo senso di umanità che c’è bisogno.

Adesso più che mai.

Ci stiamo abituando a non essere umani , a non sentire empatia verso gli altri.. a sentirci Italiani prima che Umani…
Umanità e empatia si possono calare nella nostra vita quotidiana : ci sono strumenti e progetti che funzionano e che sono utili per chi accoglie e per chi viene accolto..

Continua a leggere