Blog

Emozioni da Giavera per una buona estate!

28 giugno 2016

DSC09119-min

Antonella

È sorprendente come la vita a volte si diverta a segnare dei percorsi per i quali non avresti mai pensato di incamminarti.

Quando si parlava della premiazione del Cinefest (per me che sono qui da pochissimo tempo) a Giavera, durante una bella festa mi sono detta, ma si dai ci vado, in giornata, è distante si, ma mi faccio sta sfacchinata se poi sono stanca mi fermo in auto e dormo un po’ nella via del rientro … eh ma no non bastava e non poteva bastare.

Allora chiedo alla mia famiglia se desidera accompagnarmi ad una festa piena di allegria e balli (non sapevo molto di più) e loro subito sì. Ma si prendiamo un appartamentino …  eh no quale appartamentino? Saremo ospitati!! Come ospitati? Perché al giorno d’oggi c’è chi ti ospita senza mai averti visto e solo per la gioia di averti lì? Eh sì!! Proprio così!! Quindi io e la mia famiglia siamo stati al Festival dei Ritmi e delle Danze di Giavera del Montello.

Il tempo è stato inclemente  ma non ha fiaccato gli animi, dotati di bei scarponi abbiamo camminato, corso nel fango e poi sotto il sole e poi sotto la pioggia e abbiamo giocato e riso, condiviso la cena e il pranzo, con i volontari che con un sorriso mai spento, ci servivano i pasti con una gentilezza assoluta, ci siamo sentiti voluti bene e quanto è stato bello!!

In case approntate per noi in cui ci hanno portato di tutto, anche per la colazione, siamo stati accolti e nella stessa casa con noi una delle classi premiate e che bello è stato ancora condividere ogni momento, le loro risa e giochi fino a tarda notte, mai stanchi sempre allegri e pieni di energia e felici perché anche loro sentivano di essere voluti bene. Poi tutte le classi con gli amici della Rete di  Cooperazione Educativa e con i Pacifici arrivati da Catania, da Forlimpopoli, da Montenero e da Bergamo, un momento di fortissime emozioni.

Alla lettura dei pensieri di pace dei ragazzi, più di una volta i nostri occhi si sono commossi .. quanta bellezza e quanta energia e poi via al laboratorio di CineRipresa e poi padroni del grande prato di Villa Wasserman tra colori e profumi e suoni e lingue di diversi mondi che spesso non incontriamo, le loro interviste, che sono bellissime e presto vedrete tra le raccolte di questa seconda edizione, incentrata tutta sui ragazzi!!

La premiazione poi tanto attesa nel tendone centrale, tutti tutti su a ricevere premi ed applausi, a raccontare le prime emozioni  di questa bellissima avventura. Cosa avrete portato nel cuore voi ragazzi e insegnanti e genitori a casa di questi favolosi tre giorni insieme? Io tanta tantissima energia e tanta positività nel cuore, quando un gruppo di voi salutandoci, andava a prendere il treno per il lungo viaggio di ritorno a casa, con occhi pieni di emozione ho sentito dire queste parole:

quanta speranza da, vedere questi ragazzi.

Mi sento fortemente privilegiata ad aver vissuto questa esperienza, in una quotidianità sempre di corsa sempre tesa a concludere nel miglior modo possibile le proprie imprese, tre giorni sono volati nell’accoglienza, nella gioia, nel volersi bene anche senza mai essersi visti prima, nello sguardo dolce e amorevole di chiunque abbiamo incontrato. Cosa riserverà la prossima edizione del LoFaccioBeneCinefest ancora non è dato saperlo .. ci stiamo già pensando .. ma io voglio fortemente esserci perché la ricchezza di questi momenti è impagabile ed è un tesoro inestimabile. A presto!

Andrea

L’anno scorso non ero potuto andare a Giavera per via di impegni scolastici, così quest’anno, per tempo, mi sono preso due giorni di ferie e sono finalmente approdato al mitico festival Ritmi e Danze dal Mondo.

Il luogo è affascinante: villa Wasserman, nelle prime colline venete, ampi prati verdi, alberi maestosi, solo il cielo è un po’ meno affascinante: grigio plumbeo e minaccioso, ma tant’è, la pioggia e il fango non ci spaventano di certo.

Ancora più affascinanti però sono le persone: i compagni e le compagne di viaggio dell’avventura del Cinefest, dei quali sento solo la voce via Skype per mesi, ed è bello ritrovarsi ogni tanto di persona.

Le ragazze, i ragazzi delle scuole vincitrici del concorso e i loro insegnanti, disponibili ad adattarsi alla situazione non proprio asciutta… Ma soprattutto i nuovi amici di Ritmi e Danze che ci hanno accolto in modo favoloso con una disponibilità e una semplicità assolute. E da cosa nasce cosa, l’anno prossimo chissà quali sorprese ci riserverà: forse una collaborazione più stretta? Vedremo…

Laura

piccoli flash:

  • due pacifici a grandezza naturale in giro per il festival, con la loro versione ‘animata’ che li sostiene saltellando
  • insegnanti (bravissime)  che dormono pacifiche (anche loro!) durante i pigiama party notturni
  • yogurt a colazione e ragazzini che: “ti ricordi? è di quei ragazzi con il banchetto vicino alla casa, li abbiamo intervistati, ci hanno raccontato la loro storia!…”

Storia che non si dimenticherà.

Giavera un anno dopo: tutto uguale, tutto ancora migliore nella riconferma dell’eccezionalità, tutto diverso e carico di nuova energia visto da occhi e telecamere a un metro e mezzo da terra,

Grazie!

Roberto

Ci credete voi che la forza della gioia possa influire sul tempo atmosferico?

Nelle settimane precedenti la festa di Giavera guardavamo il meteo ogni giorno: sempre cupo, pioggia ininterrotta; vabbè, il meteo a due settimane non è affidabile! Ma nei giorni precedenti s’incupiva sempre di più…..porcaccia!

Avevamo fatto esperienza già l’anno scorso di macchine impantanate e di ballare in mezzo al fango…

L’ultimo giorno prima della festa uno spiraglio

Arriviamo e troviamo tutto già a mollo…e fango in abbondanza

Ma l’arrivo dei ragazzini delle scuole, con la loro carica di ottimismo, grinta e partecipazione, ha cominciato ad aprire squarci nel cielo, mattinate di sole alternate a scrosci violenti….

I ragazzi di Ritmi e Danze dal Mondo portano camionate di trucioli di legno e di paglia per tamponare le estese pozzanghere e cercare di farci stare un po’ all’asciutto

Beh! La festa è andata avanti in un crescendo di entusiasmo e di innamoramento reciproco tra noi di LFBCinefest e i ragazzi di RDM

……la domenica pomeriggio siamo andati via sotto un sole deciso e netto e manco una nuvola all’orizzonte; il piazzale s’è riempito di famiglie in festa, la musica s’è scatenata!

ABBIAMO VINTO! ANCHE CONTRO IL METEO!

…….e allora? E allora cominciamo a progettare fantasie molto più ardite e impegnative, con la collaborazione e l’amore di tanti altri “pezzi forti” ….e, naturalmente, di tutti voi…..ché, altrimenti, non andiamo da nessuna parte….

…..quelli che aspettan la pioggia per non piangere da soli…

noi siam d’un’altra razza, siam bombaroli

Premiazione con-corso scuole : LoFaccioBeneCinefest e La carovana dei Pacifici

3 maggio 2016

fpto prem

Si può insegnare la Pace?

Noi crediamo di sì e siamo contentissimi di annunciarvi la partecipazione, alla Festa Ritmi e Danze dal Mondo che ospiterà la premiazione del con-corso scuole di LFBC, di alcuni promotori della  Rete di Cooperazione Educativa .

Loro ci racconteranno come i bambini, con l’aiuto dei loro insegnanti, possano riconoscere le piccole azioni di Pace che ognuno di noi, nella sua comunità, può mettere in pratica e mostrare agli altri.

Ci sono parole meravigliose per descrivere la pace, versi di un grande poeta (I Giusti, di J.L. Borges), da cui i bambini iniziano ad osservare il mondo con occhi diversi. Ma la Pace non può essere raccontata soltanto a parole, va mostrata a tutti e portata in giro con convinzione ed allegria.

In che modo? Che faccia ha la Pace? Può averne tante! Una per ogni Pacifico messo in cammino dal bambino che lo ha creato. Continua a leggere